14/1/2021

La liquidità ferma “fa male a risparmiatori e Paese”, spiega il presidente di Assogestioni. I Pir, e non solo, possono far ripartire l’economia. Il ruolo dell’industria del risparmio gestito

 
14/1/2021

Il risparmio parcheggiato sui conti correnti non fa bene né alla ricchezza delle famiglie né a quella dell’Italia. Per questo l’industria del gestito è chiamata a un ulteriore sforzo nel senso dell’educazione finanziaria, con l’obiettivo di utilizzare tanta liquidità come motore per la ripartenza e la crescita del Paese post-Covid. È il messaggio che Tommaso Corcos ribadisce in un’intervista a Class Cnbc (qui il video dell’intervento integrale).

 
23/12/2020

Sei miliardi di raccolta netta fanno di novembre l’ottavo mese consecutivo di crescita per l’industria italiana del risparmio gestito, il cui patrimonio raggiunge un nuovo massimo storico a 2.394 miliardi. È quanto emerge dalla Mappa mensile del risparmio gestito elaborata dall’ufficio studi di Assogestioni.

Mappa mensile del risparmio gestito – novembre 2020

Da inizio anno il saldo è di 23,3 miliardi di euro. Novembre, inoltre, è il secondo miglior mese del 2020 dopo agosto sotto il profilo della raccolta.

A spingere il livello delle masse in gestione sui nuovi massimi storici c’è, oltre al risultato positivo della raccolta, l’effetto della crescita dei mercati finanziari.

 
15/12/2020

I Fondi di investimento alternativi (Fia), il cui mercato è in crescita e in Europa vale circa 6.600 miliardi di euro, in Italia non hanno ancora espresso il proprio potenziale nonostante un settore produttivo largamente basato su piccole imprese, che per svilupparsi necessitano di reperire mezzi finanziari attraverso canali alternativi a quello bancario. Per questo è cruciale rendere il mercato dei Fia più efficiente, efficace e competitivo mantenendo la stabilità complessiva del sistema finanziario europeo. Tema al centro della prima giornata degli Alternative Investment Funds Days organizzati da Borsa Italiana e Assogestioni, seguita in streaming da circa 550 professionisti del settore.

 
25/11/2020

Con ottobre l’industria del risparmio gestito in Italia mette a segno la settima mensilità consecutiva di raccolta netta positiva.

Lo scorso mese il sistema ha registrato sottoscrizioni nette per 2,9 miliardi di euro, un risultato che porta il saldo provvisorio da inizio anno a 17,3 miliardi e il patrimonio gestito a 2.334 miliardi.

Questo dato migliora il dato di un anno fa, ottobre 2019, quando era stato raccolto poco più di un miliardo. È quanto emerge dalla Mappa mensile del risparmio gestito stilata dall’ufficio studi di Assogestioni.

Il dato di ottobre riguarda in particolare i flussi intercettati dalle gestioni collettive (+2,4 miliardi), all’interno delle quali la voce più significativa nel mese è espressa dai fondi di lungo termine (+4,3 miliardi). Negativo il saldo mensile per i fondi monetari (-2,1 miliardi).

 
19/11/2020

La pandemia ha accelerato le dinamiche sulla sostenibilità. Non solo in termini di impatto su problemi preesistenti che oggi richiedono una risposta più decisa, ma anche come incentivo positivo al cambiamento. Una trasformazione che il risparmio gestito ha il compito di guidare, come emerge nel quinto incontro del ciclo R-Evolution.

La conferenza, seguita in streaming da oltre 700 professionisti del settore, chiude il ciclo R-Evolution che nell'arco dei suoi 5 appuntamenti registra numeri importanti: circa 6.000 partecipanti complessivi, 26 conferenze trasmesse, 15 ore di formazione erogata, oltre 70 esperti e 24 aziende coinvolte.

 

Esplora

Dati e ricerche
L'Ufficio Studi fornisce analisi e rapporti di dettaglio sul mercato italiano del Risparmio Gestito
Audizioni e Consultazioni
Tutte le risposte di Assogestioni alle consultazioni delle autorità di vigilanza nazionali e europee.
Il Tuo Capitale Umano
L'industria del Risparmio Gestito incontra, presso le principali Università del Paese, neolaureati e laureandi cui illustrare le opportunità lavorative offerte dalle principali società del settore