24/9/2020

Il risultato porta il saldo da inizio anno a 9,7 miliardi e il patrimonio sopra i 2.300 miliardi

 
24/9/2020

Agosto è il quinto mese consecutivo di crescita per l’industria del risparmio gestito che totalizza 6,9 miliardi di euro di sottoscrizioni nette, il valore più alto dell’anno. Un risultato che porta il saldo da inizio anno a 9,7 miliardi e il patrimonio di nuovo sopra i 2.300 miliardi, grazie all’effetto combinato delle nuove sottoscrizioni e dell’attività di gestione.

Le gestioni di portafoglio hanno attratto flussi per 2,3 miliardi mentre la raccolta registrata dalle gestioni collettive ammonta a 4,6 miliardi sotto la spinta dei fondi aperti (+4,3 miliardi).

Fra questi, i fondi di lungo termine hanno raccolto 4,7 miliardi, con i risparmiatori italiani che hanno orientato le proprie preferenze sui prodotti obbligazionari (+5 miliardi), sugli azionari (+1,2 miliardi) e sui bilanciati (+230 milioni).

 
10/9/2020

Nonostante la crisi generata dall’emergenza sanitaria, le masse finanziarie gestite dagli asset manager “sono cresciute nel 2020 grazie alla capacità degli italiani di risparmiare, che rimane vigorosa e potenzialmente è cresciuta, perché con l’abbassamento dei consumi alcuni segmenti della popolazione sono riusciti a risparmiare ulteriormente”.

Così Fabio Galli, direttore generale dell’associazione del risparmio gestito, durante il suo intervento in audizione alla VI Commissione Finanze alla Camera presieduta da Luigi Marattin, parlamentare di Italia Viva. “Da parte nostra, anche in questa condizione di incertezza, c’è quindi un messaggio di positività e ottimismo, con opportunità da cogliere e non problemi da risolvere”.

 
9/9/2020

A luglio l’industria del risparmio gestito prosegue il trend di crescita congiunturale e mette a segno una raccolta netta positiva di 3,5 miliardi di euro. Con questo risultato i flussi netti totali da inizio anno salgono a 2,77 miliardi.

La raccolta del mese è equamente distribuita fra gestioni individuali (1,7 miliardi) – che tornano ad attrarre flussi dagli istituzionali – e collettive (1,8 miliardi).

I fondi aperti hanno raccolto 1,6 miliardi, con i prodotti di lungo termine che hanno totalizzato flussi in entrata per 2,8 miliardi.

I risparmiatori italiani hanno orientato le proprie preferenze sugli azionari (+2 miliardi), sugli obbligazionari (+1,3 miliardi) e sui bilanciati (+404 milioni).

Il patrimonio del settore, sostenuto dalle nuove sottoscrizioni e dall’effetto dell’attività di gestione, è cresciuto di 21 miliardi rispetto al mese precedente a 2.287 miliardi.

 
2/9/2020

Grazie a una raccolta netta superiore agli 11,3 miliardi di euro nel periodo aprile-giugno l’industria del risparmio gestito cancella gli effetti negativi legati alla pandemia nel 2020. Lo si evince dalla Mappa trimestrale del risparmio gestito stilata dall’ufficio studi di Assogestioni.

Secondo i dati diffusi dall’associazione, il saldo netto da inizio anno, infatti, si riduce drasticamente da -12 miliardi di fine marzo ad appena -735 milioni a fine giugno, merito della raccolta portata a termine dalle Sgr sulle gestioni collettive (+16,2 miliardi). La quasi totalità dei flussi ha riguardato fondi aperti armonizzati Ucits mentre verso i fondi chiusi sono arrivati 1,3 miliardi di nuovi flussi netti.

La raccolta netta dei fondi aperti nel trimestre ammonta a 14,8 miliardi. La maggior parte dei flussi sono stati intercettati da fondi di diritto estero (15,28 miliardi).

 
30/7/2020

Con la lettera del 30 luglio 2020 n. 3703, la COVIP ha risposto ai quesiti dell’Associazione in tema di mandati di gestione a seguito della Brexit, confermando l’ammissibilità delle soluzioni prospettate e condivise anche da Assofondipensione.

La Commissione ha infatti chiarito che:

 

Esplora

Dati e ricerche
L'Ufficio Studi fornisce analisi e rapporti di dettaglio sul mercato italiano del Risparmio Gestito
Audizioni e Consultazioni
Tutte le risposte di Assogestioni alle consultazioni delle autorità di vigilanza nazionali e europee.
Il Tuo Capitale Umano
L'industria del Risparmio Gestito incontra, presso le principali Università del Paese, neolaureati e laureandi cui illustrare le opportunità lavorative offerte dalle principali società del settore